A DAY AT THE MUSEUM

Una diversa percezione di ciò che oggi è indossato, gli abiti non devono più essere una affermazione di estremismo radicale, oggi abbiamo bisogno di rassicurazione e di rintracciare in un capo la nostra interiorità.
SCS Stefano Chiassai

Il processo creativo non è lineare ma piuttosto trasversale, certo non dico niente di nuovo ma in questi percorsi riflessivi mi ritrovo a pensare spesso a quali siano le mie fonti di ispirazione (parola anche troppo ovvia, spesso abusata nel nostro settore).

Certo per chi come me lavora con la moda, la creatività è necessaria (ma non sufficiente a fare questo mestiere, perché di mestiere si tratta!) perché diventa il tramite per eliminare le distinzioni tra le varie forme artistiche e riportare il concetto di creatività all’urgenza per me (e di ciascuna persona) di trovare in tutti ed ogni cosa una fonte di ispirazione… appunto!

SCS Stefano Chiassai
SCS Stefano Chiassai

E allora vado al museo. Nessun luogo mi serve quanto un museo (ma anche la street art, la più immediata come quella dei writer) per estraniarmi e rintracciare nuovi scenari e nuove sfere emotive.

Può essere un ritratto di Frida Kahlo che mi illumina ogni volta per la potenza dei colori ma anche una fotografia stravolgente come quelle di Brassaï o ancora una passeggiata all’Arsenale per la Biennale d’Arte con i video di Vezzoli, tutto diventa motivo per sperimentare.

SCS Stefano Chiassai
SCS Stefano Chiassai

Ma l’ispirazione creativa deve poi risolversi in un processo più sottile di quello scatenato dalla pura fantasia, come diceva Bruno Munari deve esistere una “base logica alla quale aggiungere tutti quei valori che necessitano per giungere a un buon prodotto (un abito, una giacca, un’intera collezione nel mio caso) nel quale siano state considerate tutte le componenti quella materica, economica, funzionale, estetica”.

Il coraggio di sperimentare è anche questo, saper usare l’arte o qualsiasi altra espressione artistica dalla fotografia ai graffiti, come uno degli elementi per trovare una motivazione a progettare, a disegnare, a costruire qualcosa… perché non arriva “tutto e subito”.

SCS Stefano Chiassai
SCS Stefano Chiassai

Il dinamismo con cui è cambiato l’approccio alla moda, le novità nella costruzione, nel materiale e nella forma hanno sviluppato una diversa percezione di ciò che oggi è indossato, gli abiti non devono più essere una affermazione di estremismo radicale (come accadeva negli ottanta) oggi abbiamo bisogno di rassicurazione e di rintracciare in un capo la nostra interiorità.

L’abito oggi deve mostrare (con equilibrio) chi siamo veramente. E in questo l’arte ci può aiutare molto!

Studio Chiassai srl - Via Lucheria 82/B - 52027 San Giovanni Valdarno (AR) | PIVA 01487550517 | PRIVACY POLICY